Titulo

Tokyo's Legend Puzzle Garage




La moto che vi presento è la Tokyo's Legend, una preparazione su base Honda CB750f del 1982 eseguita da Alessandro Dell'Unto di Frascati, conosciuto ormai con il nome di Puzzle Garage con il quale firma e numera le sue migliori creazioni.



Non è una novità in senso assoluto sia in termini di tempo, infatti ha fatto la sua apparizione in pubblico lo scorso Gennaio durante il MBE, ma quando una moto è bella il tempo non scalfisce e appanna la sua bellezza.
La moto è stata realizzata per un cliente esigente che si è rivolto a Puzzle Garage con le idee chiare, ma come spesso accade, è stato ispirato da altri lavori mostrati sul web, quindi Alessandro con queste indicazioni ha interpretato le richieste e si è messo a lavorare su questa 4 cilindri in linea. 

 

La moto ha le seguenti modifiche:

Forcella anteriore sostituita da una più performante della Suzuki Hayabusa 1300 del 2000 con pinze ad attacco radiale è trattamento Tin Carbon, la pompa freno è una radiale della Nissin con corredati dei tubi in treccia di tipo avio, le frecce barend sono il top di gamma della Motogadget.


I semimanubri e la piastra superiore sono in alluminio e ricavati dal pieno con cnc  proprio nella piastra rivista e disegnata da zero da Alessandro troviamo incassato un contagiri replica smith, lo scarico è artigianale di tipo 4 in 1 e per far respirare al meglio il motore si è optato per dei filtri a cono, le pedane sono della Arrow dedicate alla Yamaha r6 è anch'esse ricavate dal pieno, il telaio posteriore è stato ricostruito per ospitare un forcellone di una ducati Multistrada 1100ds e cosa che lo rende un lavoro notevole è che tutto il gruppo sospensioni/telaio lavora esattamente con le quote è le tolleranze dettate della casa bolognese, il tutto ha portato a un allungamento dell'interesse di soli 18 mm, molti meno di quelli che l'effetto ottico possono far immaginare.


Il codino che chiude la parte posteriore è stato interamente costruito in lamiera tramite battitura a mano fino ad ottenere una linea compattissima e con un  preciso richiamo al serbatoio originale  con quella linea centrale e rialzata che progressivamente sparisce nella parte finale.


I cerchi sono Kineo in alluminio lucidato a specchio ed ospitano al posteriore un pneumatico da 195/55/17 e all'anteriore un 120/70/17 che per giunta sono stati riportati a libretto per volere del proprietario.
La verniciatura è stata realizzata da Matteo di Moor Design.


Avendo fatto visita nei mesi scorsi ad Alessandro e avendoci fatto vedere la sua bottega , sono degni di nota sono gli scatti eseguiti da Fabrizio di Domenico, che ha fatto davvero un miracolo a trasformare la piccola officina in un luogo pieno di colore, riuscendo a dare vita anche a quei muri vecchi di secoli che trasudano storia.


Questo mi fa capire che i consigli che diamo a tutti quelli che abbiamo la fortuna di incontrare, molte volte vengono recepiti, il presentare il lavoro ultimato con delle foto di qualità permette e di essere conosciuti nel mondo e di valorizzare il proprio lavoro.

  
Con questa moto Alessandro Dell'Unto si è aggiudicato ben 2 premi, lo scorso Gennaio durante l'MBE a Verona,  entrambi durante il contest internazionale indetto dalla rivista di settore Ferro, l'ambito "Design Award" assegnato dal designer Oberdan Bezzi ( Obiboi ) e l'Honda Award assegnato direttamente dalla Honda Italia che gli è valsa l'assegnazione di una Honda 500 Rebel e la possibilità di esprimere il suo estro elaborando la moto per conto della casa nipponica.


Noi abbiamo già provato a fare un pò di spionaggio industriale per capire quale direzione sta prendendo per questo nuovo progetto, ma siamo davvero curiosi di vedere se riuscirà a stupire la casa alata cosi come ha fatto con la Tokyo's Legend ... si sa che riconfermare un successo e sempre cosa difficile.   
Ora non ci resta che aspettare la Rebel rimaneggiata che farà  la sua apparizione o a Milano durante l'Eicma 2017 o a Gennaio all'MBE 2018 è vedere se Alessandro riuscirà nuovamente a centrare l'obbiettivo come fatto con questa moto.

No comments

La libertà di opinione verrà rispettata sempre, nei limiti della legalità. Qualora si ravvisino commenti offensivi ovvero in violazione di una qualsiasi normativa in vigore, il commento verrà cancellato ma conservato (con il relativo indirizzo ip di pubblicazione) per una eventuale azione legale.

RocketGarage Design. Powered by Blogger.